SAMBUCO: un fiore pieno di gusto

Oggi si inizia con una bella passeggiata sotto il sole di primavera, armati di cestino in cerca di fiori. Non fiori di campo, ma bensì fiori di sambuco. La pianta di sambuco assomiglia ad un grande cespuglio ed è piena di questi “ombrelli” formati da una miriade di piccolissimi fiorellini bianchi. Proprio con questi fiori possiamo fare lo sciroppo di sambuco, per questo motivo è molto importante scegliere una zona non trafficata, le piante di sambuco nascono spontanee e ne trovate ovunque. Fioriscono in questo periodo dell’anno tarda primavera/inizio estate, i fiori sono profumatissimi. Dovrete scegliere solo i fiori freschi, quelli che trattengono il polline, nostro prezioso alleato per fare lo sciroppo, quelli ancora chiusi lasciateli sull’albero. Tagliate il ramo a 10 cm sotto il fiore, controllate di non portarvi a casa anche sgraditi ospiti, come ragnetti e formichine, raccoglieteli nel cestino e correte a casa a fare lo sciroppo di sambuco! Molto usato da noi in Alto Adige per preparare bevande dissetanti l’estate e aperitivi, ma è anche un antipiretico naturale.

hugo

Quello che è sicuro è che la moda degli ultimi anni in tema di aperitivo la detta l’Alto Adige, con un aperitivo fresco, più leggero dell’ormai inflazionato spritz, ideale nel periodo estivo ma anche in quello invernale e con ingrediente principale una delle particolarità dell’Alto Adige: il succo di fiori di sambuco!

Stiamo parlando dell’Hugo, un aperitivo nato proprio in Alto Adige e che poco per volta si sta facendo conoscere e apprezzare anche nel resto dell’Italia, diciamo che qui in Alto Adige ormai dà del filo dal torcere al tanto amato spritz, chissà quanto ci metterà a raggiungere gli stessi risultati anche nel resto d’Italia.

L’Hugo è amato soprattutto dal sesso femminile ma anche gli uomini sembrano apprezzarlo! Vediamo quali sono gli ingredienti di questo semplice quanto buono cocktail, ideale per un aperitivo con gli amici! Come abbiamo detto l’ingrediente principale è lo sciroppo di sambuco, un fiore che cresce rigoglioso e abbondante in Alto Adige nel periodo primaverile, poi prosecco, acqua frizzante, ghiaccio, un paio di foglie di menta e una fettina di limone o lime e il gioco è fatto. Niente di complicato come potete vedere, ma il risultato è assicurato!